“OLTRE IL FUMETTO” Cesare Reggiani

Per l’edizione 2018 ALBISSOLACOMICS ospiterà nella sezione “OLTRE IL FUMETTO”  l’Artista
CESARE REGGIANI con una mostra presso la Stamperia del Bostrico di Alfredo Meconi
Cesare Reggiani (Faenza, 1949) esordisce negli anni ’70 come autore di fumetti con la creazione
della 
lunga saga fantascientifica di Prigionieri della meta, con testi di Wupi, pubblicata prima su
Alter, poi su Il Mago e raccolta in albo in Francia. Nel 1980 scrive e disegna l’albo “Deviazione
Cerebrale” tradotto in Francia e Spagna. Dopo l’ultimo, e il più amato, “Le dieci esperienze
di Orino Vientellio” (1982) lascia il fumetto e si dedica completamente all’illustrazione.

Dal 1977, anno in cui dà il via ufficialmente alla professione, produce un gran numero di
illustrazioni di fantascienza. Allo stesso tempo collabora, sempre su temi fantascientifici, con
il mensile Playboy, poi con Starbene e Sirio. Dopo la partecipazione al Salon des Illustrateurs
(Parigi 1984) Reggiani si impegna in una intensa attività in campo pubblicitario, producendo
immagini per importanti campagne. In seguito selezionerà il lavoro pubblicitario per
dedicarsi sempre più a quello editoriale. Inizia una collaborazione dapprima con il
Club degli Editori, quindi con Rizzoli RCS, ma è con Urania Mondadori che Reggiani torna
sui temi della fantascienza, temi che trova congeniali alla sua vena surreale e immaginifica
pur non essendo un appassionato del genere letterario.

A cavallo dei ’90 inizia una fattiva collaborazione con il gruppo Longanesi, Tea, Salani
disegnando copertine di fantasy e di avventura e dei Romanzi della natura (Salani).
E’ del 1991 la pubblicazione del diario di viaggio umoristico Il Danubio in bicicletta
(Calderini), poi, per lo stesso editore un’edizione dell’Artusi illustrato all’acquerello.

Nel 1995 crea le dodici immagini del secondo numero del periodico Teléma e inizia una
 collaborazione con il marchio Floor Gres il quale ha affidato alle sue immagini l’intera
comunicazione. e il calendario 1999. Nel 1992 la Rai gli dedica una puntata della serie
televisiva Matite d’Italia. Nel 1998 la città di Faenza gli dedica un’ampia mostra antologica
in occasione della quale viene edito il volume monografico Esperienze. L’anno successivo
produce le tredici illustrazioni per il calendario 2000 degli Scout per le Edizioni Fiordaliso.
Nel 2000 illustra il libro di poesie I canti della stagione alta di Paolo Melandri ed esegue la
grande decorazione (90 mq) per lo stand Floor Gres al Cersaie. Nello stesso anno viene
pubblicato un nuovo catalogo dei suoi dipinti in occasione della mostra Feria d’Annone.

La pittura tout-court, da sempre considerata come intima e personale ricerca primigenia
diviene dai primi anni novanta, in coincidenza con la residenza per parte dell’anno a Parigi,
la principale e più consistente forma d’espressione dell’autore. È da allora che
Reggiani tiene mostre 
personali in Italia, Francia, Olanda, Germania, USA.
http://www.cesarereggiani.com.

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *