Marcello Toninelli

Nasce a Siena il 25 giugno 1950, esordisce professionalmente nel mondo del fumetto nel 1969, all’età di 19 anni, pubblicando a puntate sulla rivista “Off Side” una personalissima versione di Dante protagonista di strampalate avventure; milita poi tra le fila degli scrittori di fumetti pornografici e collabora con il periodico “Adamo” di Luciano Secchi (Editoriale Corno) creando i personaggi Sonny Sold e I ragazzi di Stoner.

Nel 1982 approda alla Sergio Bonelli Editore, scrivendo per Zagor, ma la sua firma compare occasionalmente anche su altre serie: Kerry il Trapper, Il Piccolo Ranger, Dylan Dog e Nick Raider, collaborando contemporaneamente anche per Topolino, Lanciostoy e Skorpio.

Nel 1984 torna alle strisce umoristiche creando Il pinguino Colofòn per L’Enigmistica Illustrata; l’anno seguente, insieme ad alcuni colleghi, fonda il trimestrale di fumetti Fox Trot per il quale realizza la versione a fumetti definitiva della maggiore opera dantesca, La Divina Commedia (nome completo: Dante, La Divina Commedia a fumetti “per lettori scafati”).

Nel 1990 inizia a collaborare con Il Giornalino della San Paolo Periodici realizzando la serie fantastica Agenzia Scacciamostri e specializzandosi nelle parodie a strisce umoristiche dei classici della letteratura, riproponendo con successo il suo Dante (riveduto e corretto in salsa cattolica), seguito da altre parodie fumettistiche di opere letterarie (IliadeOdisseaEneide e Gerusalemme liberata).

Sempre per Il Giornalino realizza molti racconti autoconclusivi, la serie umoristica Gli Hominidi e le strisce umoristiche  di Capitan G; si cimenta anche come sceneggiatore con la storia La classe perduta (disegnata da Francesco Frosi) e delle serie Le fiabe sbagliate di nonno Nero e L’ora di Storia; contemporaneamente lavora a Gordon Link – l’acchiappafantasmi (ideato da Gianfranco Manfredi per la Dardo) e al personaggio di Ade Capone Lazarus Ledd.

Nel settembre del 2007  ha tenuto una serie di conferenze sui fumetti e sul suo Dante presso le sedi della Società Dante Alighieri di Oslo, Trondheim, Halden, Christiansand, Stavanger e Bergen, dove ha anche presentato al Raptus Comics Festival l’edizione norvegese del suo Inferni, scelto con altri volumi dal Ministero della Cultura norvegese per la distribuzione gratuita in tutte le biblioteche del paese.

Nel 2008, nel Piccolo Teatro del Centro Leonardo da Vinci di Montréal, i relatori Filippo Salvatore (Philosophy Doctorate Associate Professor of Italian Studies alla Concordia University) e Erika Papagni (Philosophy Doctorate of Italian Studies dell’Università di Toronto), hanno tenuto una conferenza ispirata dai suoi lavori intitolata: Virtù e conoscenza: Dante e Ulisse… a fumetti.

La casa editrice Shockdom, in occasione del 750º anniversario della nascita di Dante, ha riproposto in unico volume (cartaceo ed e-book) la sua Divina Commedia a fumetti in versione aggiornata con strisce inedite (colorata dal figlio Jacopo) e, l’anno successivo, Renzo & Lucia, i Promessi Sposi a fumetti.

Per l’editore Star Comics realizza la serie grottesco-fantascientifica Shanna Shokk e con la tecnica delle strisce umoristiche ha realizzato una biografia di Mussolini (Benito – Storia del Duce a fumetti), Strip Wars/Guitti Stellari (parodia di Star Wars), Berlustory (biografia del Cavaliere Mascarato apparsa prima in tre fascicoli allegati alla rivista Fumo di China e poi raccolta in volume) e Dante – La vita (rivisitazione della biografia del poeta fiorentino).

Attivissimo nell’ambito della critica fumettistica, onda una sua casa editrice (Editrice 50, poi Nerd 50) con cui pubblica molte fanzine e riviste, tra cui la più famosa è “Fumo di China” per la quale crea la striscia meta-fumettistica Sonia Strip; per la rivista FuoriCasa inventa Rico, e per la Gazzenda (agenda de La Gazzetta dello Sport) Tinì Trantran, ma anche Rokko Cipolla e Superstrunz.

Realizza le versioni a fumetti dell’Eneide, dell’Iliade e dell’Odissea, la biografia di Virgilio e La Gerusalemme Liberata ; nel 2009 pubblica il romanzo storico ambientato nella Siena del 1286 “S’i’ fosse morte…”, e Nuovocabolario con testi di Piero Battaglia.

I commenti sono chiusi.