Stefania Caretta

Nasce ad Alessandria il 17 Ottobre del 1978, nel 1997 si diploma all’ Istituto d’arte statale d’arte Benedetto Alfieri Architetto, dal 2008 al 2013 pubblica con una piccola rivista di fumetti indipendente e nel 2009 realizza una storia a fumetti a tema storico sulla Grafic novel “Scribble scrubble”.

Nel 2012 frequenta un corso di fumetto organizzato nella sua città e sempre nel 2012 arriva settima al concorso “Tutta un’altra storia” e nel 2013 realizzato due illustrazioni per il progetto storico “Pasque Veronesi” e 14 illustrazioni per la casa editrice “Daniela Poazza editore”; nel 2014 inizia la collaborazione con Edizioni Inkiostro realizzando “Nessuna pietà per il mostro del lago” e “Monsters in love” sulla collana “Denti”.

Nel 2016 collabora alla realizzazione del volume “Da Caporetto alla vittoria” con Giulia Francesca Massaglia e Luigi Piccatto, in seguito realizzerà l’episodio “L’oscuro linguaggio dei nervi” per la serie Paranoid Boyd di Andrea Cavaletto e una parte della graphic novel “16” di Alex Crippa.

Collabora anche con Giulia Francesca Massaglia e Luigi Piccatto come inchiostratrice su alcuni volumi di Dylan Dog e dell’Old Boy. Nel 2018 ha collaborato come inchiostratrice con Tommaso Bianchi, per la Sergio Bonelli Editore sulla collana “Le storie”.

Attualmente è inchiostrattrice sulla serie regolare di Diabolik per Astorina e come illustratrice per ETRO, famosa casa di alta moda milanese.

Attualmente vive ad Asti.

I commenti sono chiusi.